Crea sito

Home Temporali Tipi di nuvole I cumulonembi Supercelle e multicelle Forum meteofoto

Relazioni tra le mamma e l’ambiente del temporale    

Le mamma, per quanto suggeriscano, dato il loro aspetto incombente e la loro colorazione generalmente cupa, immagini di brutto tempo, non sono di per se stesse una garanzia di severe weather o non suggeriscono che sia in corso nessuna convezione di una qualche portata. Poichè si formano di preferenza in una parte uniforme dell’anvil, esse si verificano soprattutto sul fianco posteriore del temporale o dell’outflow, dove l’anvil si è stabilizzato o ha rallentato il suo moto.

Per la stessa ragione esse appaiono più spesso quando il temporale ha ormai passato la maturità. Anvils più bassi e più spessi portano a mamma meno sviluppate. Anvils più alti che sono stati formati con grande rapidità hanno molte piccole particelle che danno luogo a mamma molto definite e dall’aspetto solido. Se l’aria è alquanto secca o l’anvil ha poca caduta (fallout) di particelle, le mamma saranno irregolari. Se le borse sono di grandezza uniforme, l’anvil è di spessore uniforme. Se la superficie inferiore dell’anvil è inclinata, sinonimo di shear, le mamma saranno anche deformate e possono essere anche sottolineate dal moto verso il basso.

Naturalmente, la subsidenza che ha iniziato il processo può indicare un nuovo forte sviluppo da qualche parte nell’area. Un grande complesso temporalesco genererà strati successivamente più alti di nubi di anvil avvicinandosi alla sua massima intensità. L’anvil più alto può indurre una pressione su quello più in basso quando spinge verso l’esterno come un cuneo, producendo la formazione di un cielo pieno di mamma che marca un preciso e nascosto momento dell’attività convettiva.