Crea sito

Home Temporali nowcasting Tipi di nuvole I cumulonembi Supercelle e multicelle

Tipi di cumulonembo          

 La vecchia teoria sui cumulonembi o temporali recitava che esistono soltanto due tipi basilari, frontale o da massa d’aria. La ricerca più recente suggerisce che questa è una eccessiva semplificazione, la quale non tiene conto del ruolo dei vari contributi di entità variabile o dei processi di crescita e rigenerazione. Il termine “massa d’aria” è particolarmente fuorviante poichè implica casualità per un evento per il quale molti effetti concomitanti debbono combinarsi in maniera esatta. Il suo verificarsi non è casuale, ma soltanto difficile da prevedere.

Un approccio potrebbe essere di raggruppare queste nubi in base alla forza del loro updraft. L’updraft è dominante quando molto forte, bilanciato dal downdraft quando è soltanto sostenuto, e rimpiazzato dall’outflow quando debole. Ciò funziona bene per un approccio analitico, ma è meno “tipo” che “processo” dal momento che tutti i tre tipi di updraft possono verificarsi durante l’evoluzione di un temporale o addirittura simultaneamente in una determinata area. Tutti i cumulonembi hanno una struttura basilare a cella dove “cella” si riferisce ad un updraft organizzato e dotato di una sua unicità. Una suddivisione in relazione al grado di organizzazione presente nel temporale è più logica in quanto ben si correla con quanto si osserva, sia con il radar che visivamente nel cielo. Questo approccio crea le classi di cella singola, multicella e supercella.